I video del mese #2

I video del mese #2

 

Ecco i video salienti di questo febbraio, ormai giunto al termine!

 

#1 I video di Chaya con Barbara Lucina e Cristina Bonilla a Barcellona

 

 

 

#2 Come droppare, a cura di Indy Jamma Jones (Planet Rollerskate)

 

 

#3 Questo ragazzino vi insegna a fare un backflip con i pattini a rotelle

 

Il mio setup attuale

Il mio setup attuale

 

Sempre più spesso mi arrivano domande riguardo al mio setup per il ramp skating. E ci credo! Il mio setup mi sta dando grosse soddisfazioni e non ne faccio mistero, specialmente su instagram.

Il setup mi è stato gentilmente costruito da Laura Casiraghi di Rollerfighters, il negozio ramp skating / roller derby e longboard che ha base a Desio (MB) e che da un anno e mezzo a questa parte mi sostiene in tutte le mie necessità tecniche.

 

27581872_568449753520632_6789377906586943488_n

 

Passiamo subito a vedere di cosa si compone.

 

1. Scarpe Vans Sk8 Hi

Rollerfighters è rivenditore ufficiale Vans quindi l’occasione era troppo ghiotta per non sfruttarla. Ho da sempre guardato con desiderio ai setup street forniti da Chicks in Bowls ma il prezzo era troppo alto considerando le spedizioni dalla Nuova Zelanda. Finalmente sono riuscita ad accaparrarmi il setup che volevo con le scarpe che volevo.

Insomma, s’ha da provà, giusto?

 

2. Sure Grip Avenger Plate in magnesio

Questa piastra è leggera e dinamica e la consiglio vivamente. I truck sono montati a 45 gradi, cosa che la rende molto responsiva ai movimenti. I truck che arrivano in dotazione con la piastra sono i soliti DA45.

 

3. Suola per il rinforzo della scarpetta e aggancio della piastra

Laura è stata una maestra in questa operazione. Al posto della solita suola in alluminio (venduta anche da Chicks in Bowls), ha preferito usare un materiale più resistente e molto più leggero, che tuttavia non svelerò.

Il risultato è competitivo. La suola non dà alcun fastidio e non influisce in alcun modo sul peso totale del setup.

 

4. CiB Grind Trucks

Più larghi rispetto ai truck che solitamente arrivano in dotazione con le piastre per pattini quad. Permettono di grindare, ampliare il parco dei trick e assicurano maggiore stabilità in bowl durante il carving.

 

 

26335280_1116484561787224_7434825578944921600_n

 

 

5. CiB x Reckless Park Wheels 

Non mi sono mai risparmiata di dire che queste ruote siano le migliori che io abbia mai avuto. Certamente dovrei provare ad usare altro – ruote da skate, non destinate ai quad. Sto già addocchiando alcune Bones che stanno da parecchio nella mia lista desideri, per dirne una.

Ad ogni modo queste ruote hanno una durezza di 98A per un diametro di 58mm. Mentre su uno skateboard significherebbe usare ruote molto grandi, nel caso dei quad la ritengo una misura più che accettabile, soprattutto per skater di livello beginner e intermediate.

Sicuramente la combinazione di queste ruote con i grind truck è felice. Ho provato ad usarle anche su truck “normali” e ho subito notato un incremento della velocità.

La durezza non deve spaventare: sono un ottimo acquisto per chi ha già delle basi di ramp skating e vuole portare tutto al livello successivo.

 

6. Bionic Super Stoppers

Da sempre i miei preferiti. Mi piacciono i freni molto duri perchè utilizzandoli spessissimo su asfalto o terreni accidentati non posso permettermi di consumarne troppi all’anno. Al momento la mia media è di 2,5 paia all’anno. Se usassi freni più morbidi sarebbe almeno del doppio!

 

7. Cuscinetti Overmont ABEC 9

Diciamocelo: pattinando in skatepark outdoor nel 90% dei casi è ovvio che i cuscinetti si sporchino e si rovinino. Sono una persona che periodicamente li pulisce, ma molto di rado. Ci tengo alla manutenzione ma penso che destinare dei Bones Reds o altri cuscinetti di qualità superiore alla polvere e alle intemperie sia sbagliato.

Preferisco spendere di più su cuscinetti che so userò indoor (tipo per il roller derby).

Ecco il link per acquistarli su amazon.

 

Se avete domande sono a disposizione!

Doom

 

 

Skatepark review: Vimercate

Skatepark review: Vimercate

Ieri ho fatto tappa allo skatepark di Vimercate (MB) assieme alla crew Rollerfighters. Il park è molto piccolo e si trova nel mezzo del parco comunale di via Rossini. Raggiungerlo non è difficile se si è in auto, ma immagino sia abbastanza fuori mano per chi abita in zona e magari non dispone di un mezzo proprio.

Situato in mezzo ad una zona residenziale / di campagna, il park dispone di una bella mini sui due metri di altezza, qualche ledge, un paio di piramidi, due box e un rail. Niente di particolare insomma, ma le strutture sono incredibilmente ben tenute e ben realizzate. Consiglio fortemente un passaggio, se non altro per la mini rampa.

 

 

1441185_600791780044247_3213003982133512168_n

 

 

Posto direttamente le foto e i video della mia amica Giulia, che ha documentato la giornata!

 

 

 

 

Apparentemente è in atto un procedimento di miglioramento del park in collaborazione con il Comune. Lo spero tanto per i locals!

 

Doom

Ramp Skating 101 – parte cinque

Ramp Skating 101 – parte cinque

 

Quinta e ultima parte della traduzione del documento di Lisa Suggitt per chi si approccia alle rampe per la prima volta.

Ecco le puntate precedenti: parte unoparte dueparte treparte quattro

 

DSC08731

nella foto: un invert di Lisa Suggitt

 

Parte tre – droppare 

 

A) Introduzione

Fino ad ora abbiamo parlato di come scivolare dentro una bowl / rampa e iniziare a pattinare dal centro della base. Adesso parleremo di come si parte dalla sommità della rampa utilizzando una tecnica chiamata dropping in (drop / droppare).

Prima di iniziare a considerare l’idea di droppare, dovreste essere capaci di guadagnare velocità su una transizione ed eseguire pivot turn fino al coping.

Ci sono uno svariato numero di tecniche per droppare ma noi parleremo solo di tre di esse: toe stopper drop, slide bar drop e roll in drop.

 

B) Superare la paura

Droppare per la prima volta è una delle cose più spaventose che farete. La parte più difficile è superare il blocco mentale. L’adrenalina inizierà a scorrere nelle vostre vene e ogni cellula del vostro corpo inizierà a gridare forte, quasi vi trovaste in una situazione di vita o di morte. È strano come una rampa alta un metro possa sembrare alta 4000 metri la prima volta che droppate. Avrete paura, certo, ma dovrete farlo lo stesso.

È molto importante che voi non rinunciate ripetutamente. Se salite sulla rampa con l’intenzione di droppare, dovete farlo. Paura e apprensione cresceranno nel tempo e se continuerete a rinunciare vi ritroverete a non volerlo più fare. Potrebbe aiutare visualizzare come lo farete, come vi sentirete e come avrete successo. Quando siete pronte/i, salite sulla rampa, fate un respiro profondo, contate fino a 3 e fatelo.

La tecnica di per sè non è difficile, dovete solo rimanere rilassate/i e seguire un paio di linee guida di base.

Nota: sui pattini – diversamente dallo skateboard – è in realtà più facile droppare in una rampa di dimensioni medie (1 metro e 40 / 1 metro e 80) piuttosto che su una più bassa. Alcuni park hanno delle half pipe anche di 40 centimetri. Le transizioni sono così strette che potrebbe essere difficoltoso imparare lì.

 

C) Piegatevi in avanti!

Droppare può essere pericoloso. Nel caso peggiore potreste cadere all’indietro sbattendo la testa sul coping (ma state indossando il vostro casco, giusto?). La chiave è piegarsi in avanti qualunque cosa accada. Se siete piegate/i in avanti con le spalle parallele alle ginocchia è quasi impossibile che cadiate all’indietro. Tenete le mani davanti a voi e siate pronte/i a poggiarle a terra nel caso doveste cadere in avanti.

 

Toe stopper drop

Questa è una tecnica per droppare senza l’utilizzo di slider o grind blocks.

  • Posizionatevi di fronte al coping con i vostri pattini e le spalle aperte
  • Trovate equilibrio mettendo un freno a terra – quello del piede che entrerà per secondo
  • Bloccate il vostro corpo in una posizione proiettata in avanti  e mantenete questa posizione finchè non avrete chiuso il movimento con successo
  • Mentre spingete con il freno, entrate nella rampa con il piede davanti
  • Il piede dietro segue

 

Il movimento è un passo “saltato” dentro la rampa. Iniziate il passo con il piede davanti e concludetelo con il piede dietro (quello che aveva il freno poggiato a terra). È un passo nella rampa e la chiave è proiettarsi in avanti. La parte superiore del vostro corpo è collegata ai fianchi, proiettati in avanti. Mantenete i muscoli in tensione e provate a mantenere questo angolo con il vostro corpo. Non bloccate le ginocchia, mantenetele morbide perchè serviranno per attutire la roll-in. Quando siete atterrate/i in sicurezza nella rampa rilassatevi e permettete al vostro corpo di assumere nuovamente una posizione eretta.

 

toe stop drop in

 

Slide Bar Drop

 

Questo è il modo più facile e più stiloso di droppare. Per riuscire ad eseguirlo dovete avere degli slider o grind blocks sotto i vostri pattini.

  • Posizionatevi di fronte al coping con i vostri pattini e le spalle aperte
  • Bloccate il vostro corpo in una posizione proiettata in avanti  e mantenete questa posizione finchè non avrete chiuso il movimento con successo
  • Mettete un piede sul coping, perpendicolare e con lo slider appoggiato
  • Fate un passo in avanti con il vostro piede lead

 

N.B.: il piede lead è quello che solitamente tenete in avanti mentre fate pumping sulle rampe

 

Anche in questo caso la chiave è piegarsi in avanti. La parte superiore del vostro corpo è collegata ai fianchi, proiettati in avanti. Mantenete i muscoli in tensione e provate a mantenere questo angolo con il vostro corpo. Non bloccate le ginocchia, mantenetele morbide perchè serviranno per attutire la roll-in. Quando siete atterrate/i in sicurezza nella rampa rilassatevi e permettete al vostro corpo di assumere nuovamente una posizione eretta.

 

slide bar drop

 

Roll In Drop

Rollare dentro la rampa è spaventoso ma è il modo più efficace per prendere velocità. Richiede un po’ di spazio sul deck quindi non è sempre possibile utilizzare questa tecnica.

  • Posizionatevi almeno a tre metri dal coping
  • Pattinate verso il coping a velocità moderata
  • Quando raggiungete la sommità della rampa sollevate il vostro peso per non rimanere agganciate/i al coping e droppate, sempre piegate/i in avanti

 

L’idea è di fare un saltello (non un gran salto!) sul coping e dentro la rampa, atterrando più in alto possibile sulla transizione nella solita posizione (ginocchia flesse, sguardo in avanti). È essenziale sollevare il peso e droppare nella rampa anzichè volare e atterrare malamente alla base. L’ideale sarebbe imparare prima gli altri due metodi di drop prima di cimentarsi in questo.

C’è da dire che questo metodo non è così difficile come sembra, ma può risultare spaventoso le prime volte. Risulta più facile a velocità più sostenute; se andate troppo piano rischiate di rimanere agganciate/i al coping o cadere all’indietro quando entrate in contatto con la rampa. Come tutti gli altri drop in, la cosa più importante è piegarsi in avanti e portare il movimento fino alla fine. Quando siete atterrate/i in sicurezza nella rampa rilassatevi e permettete al vostro corpo di assumere nuovamente una posizione eretta.

 

roll in drop

 

Parte quattro – stall

 

A) Introduzione

Come suggerisce il nome, gli stall sono dei momenti in cui si verifica una situazione di stallo, immobilità, su un ostacolo. Sono uno dei pilastri fondamentali dei trick nel ramp skating  e servono per riacquistare focus durante una run oppure prepararsi per il trick successivo.

 

B) Beginner backside stall

La backside stall di livello beginner è uno step intermedio per imparare quella vera. Dovreste essere in grado di eseguire perfettamente le pivot turn prima di tentare questo trick. È più semplice eseguirlo quando state pattinando abbastanza velocemente da poter raggiungere il coping.

  • Pattinate verso il coping
  • Preparatevi ad eseguire una jump turn ma un po’ più alta del solito
  • Mentre state eseguendo la jump turn, provate a mettere le ruote posteriori di entrambi i pattini sul coping ma tenete il vostro peso nella rampa, proiettandovi in avanti pronte/i per tornare sulla transizione
  • Sollevate immediatamente il vostro peso dal coping per sbloccarvi e scendete dalla transizione come fareste normalmente

Ripetete questo trick ancora e ancora. Iniziate puntando semplicemente a toccare il coping con le ruote posteriori. Quando vi sentirete abbastanza sicure/i di questo, provate a spingere i tacchi oltre il coping. Praticate la postura fermandovi sui tacchi, tenendo la schiena dritta. Col tempo – e molta pratica – riuscirete a stare in piedi con tutto il vostro peso sul coping.

 

beginner backside stall

 

C) Backside stall

 

Questa è la vera backside stall. La grande differenza rispetto alla precedente è che questa viene eseguita al di fuori della rampa. Con la beginner backside stall il vostro corpo rimane all’interno dell’area della rampa mentre i pattini escono raggiungendo il coping. Con la vera backside stall il vostro intero corpo esce dalla rampa e voi siete in piedi sul coping. Ovviamente vi consiglio di iniziare con la beginner backside stall e progressivamente svilupparla in questa.

  • Pattinate verso il coping ad una velocità sostenuta
  • Preparatevi ad eseguire una jump turn ma fatelo sul coping o perlomeno molto vicino al coping
  • Quando raggiungete il coping sollevate il peso e usate le braccia per ruotare la parte superiore del vostro corpo di 180 gradi, il resto del corpo vi seguirà nella rotazione
  • Estendete le gambe, piantate i tacchi e raggiungete una posizione eretta
  • Mantenete la posizione per un momento
  • Droppate nuovamente

 

backside stall vera

 

D) Frontside stall

Le frontside stall sono leggermente più difficili perchè dovete girarvi di 180 gradi per tornare dentro la rampa oppure lasciarvi andare all’indietro (cioè in fakie).

Se l’idea di saltare girandovi di 180 gradi vi spaventa, fate prima pratica su un marciapiede. Salite sul gradino del marciapiede in una frontside stall e poi giratevi di 180 gradi saltando sulla strada. Girare di 180 gradi è molto semplice una volta che vi sarete abituate/i. Dovreste arrivare ad un punto in cui vi sentite sicure/i ad eseguire jump turn, knee slide e droppare prima di cimentarvi in questa tecnica.

  • Pattinate verso il coping con velocità sufficiente per sollevarvi dalla transizione e arrivare sul coping
  • Quando raggiungete il coping sollevate il vostro peso e piantate entrambi i piedi sul coping, con le ruote davanti oltre ad esso e le ruote dietro sulla rampa.
  • Guardate sopra la vostra spalla e fissate il punto in cui volete arrivare
  • Ruotate il torso, saltate e aiutandovi con le braccia ruotate il corpo di 180 gradi
  • Guardate dove volete andare (cioè di nuovo nella rampa e pattinando in avanti)
  • Il resto del vostro corpo seguirà il movimento della rotazione
  • Cercate di atterrare sulla rampa abbastanza in alto ma sotto il coping, proiettandovi in avanti e rollando via.

 

frontside

 

Parte cinque – terminologia

Coping Un tubo metallico posto alla sommità della transizione di una rampa o un ostacolo. Può anche essere fatto in granito, marmo o piastrelle.

Transition (tranny) La porzione curva della rampa che varia da superficie flat a superficie verticale o quasi verticale. Il termine può anche essere riferito alla capacità di skateare questo tipo di strutture in park (transition skills).

Spine Il “picco” dove tue quarter si incontrano sul coping, schiena contro schiena.

Lines (speed lines) I percorsi che le/gli skater seguono lungo una bowl o in skatepark.

Air Ogni occasione in cui i pattini non toccano il suolo.

Truck grind Skateare un ostacolo usando i truck anzichè le ruote

Slide Scivolare lungo un ostacolo usando gli slider anzichè le ruote

Full pipe Una rampa a forma di O che è praticamente un gigantesco tubo, senza coping.

Half pipe Rampa a forma di U

Quarter pipe Una rampa con una transizione sola, praticamente la metà di un’half pipe

Bowls Delle buche a forma di ciotola con quarter pipe e half pipe (e ogni tanto full pipe e spine) con angoli arrotondati e line molto fluide.

Fakie Pattinare o eseguire un trick pattinando all’indietro

Flat bottom La sezione piana alla base della rampa

Vert La porzione verticale subito sotto il coping. Non tutte le transizioni hanno vert

Vert ramp Una larghissima half pipe, solitamente alta attorno ai 4 metri, con lati molto alti e verticali in prossimità della cima. Queste rampe permettono trick che prevedono grandi air

Lead foot Il piede dominante (solitamente il piede sinistro per la maggior parte delle persone che scrivono con la mano destra. Se qualcuno ti spinge da dietro, quale sarà il piede che automaticamente metterai a terra per evitare di cadere?)

Street Skateare freestyle in una modalità che prevede tutti gli elementi dell’ambiente urbano. Include skateare su scalini, bank, sezioni curve, ringhiere, panchine, fun box, piramidi eccetera. Si può anche riferire alle parti street degli skatepark.

Carving Abbassarvi profondamente durante le curve, eseguendo delle S per controllare la velocità ma soprattutto per divertirvi

Grab Afferrare una parte dei vostri pattini mentre eseguite un trick

Backside Quando un trick viene eseguito con il corpo che guarda il coping

Frontside Quando il trick viene eseguito con il corpo che non guarda il coping

 

 

 

 

Ramp Skating 101 – parte quattro

Ramp Skating 101 – parte quattro

 

Quarta parte della traduzione del documento di Lisa Suggitt dedicato a chi si approccia al ramp skating per la primissima volta.

Ecco i link alle altre parti dell’articolo, nel caso vi siano sfuggite:

Prima parte

Seconda parte

Terza parte

 

PATTINARE SULLE CURVE (TRANSIZIONI)

 

Introduzione

Uno degli elementi fondamentali del ramp skating è pattinare su superfici che non sono affatto piatte. Stiamo parlando di superfici che diventano da piatte a praticamente verticali. Questo può sembrare abbastanza sconcertante per un beginner, ma non c’è da preoccuparsi: col tempo ci arriverete – e amerete il ramp skating!

Il posto ideale dove fare pratica con le transizioni sono le minirampe (da 1 metro e 40 a 1 metro e 80 di altezza, solitamente). Non vi preoccupate di droppare per il momento. Partite dal centro della rampa, in basso.

 

A) Girarsi su una transizione

 

Ci sono svariate tecniche per girarsi. Tutte possono sembrare difficili quando approcciate per la prima volta ma diventeranno fluide e naturali con un po’ di pratica. In questa guida parleremo di Jump turns e Pivot turns.

 

Jump turn

  • Pattinate verso la transizione, mantenendo il vostro corpo rilassato e flessibile
  • Piegate le ginocchia e lasciate che i piedi si sollevino di fronte a voi
  • Mantenete un piede davanti all’altro per avere più equilibrio
  • Quando raggiungete l’apice della vostra salita saltate quanto basta per sollevare i pattini da terra
  • Ruotate la parte superiore del vostro corpo di 180 gradi di modo da guardare nella direzione in cui volete andare (indietro, verso il centro della rampa)
  • Usando le braccia ruoterete più velocemente, il resto del corpo vi seguirà durante la rotazione
  • Atterrate sui pattini e pattinate verso il centro della rampa e successivamente sulla curva dall’altra parte
  • Ripetete

 

roller1

 

Pivot turn

Le pivot turn sono molto simili alle jump turn, solo che invece di saltare userete le ruote posteriori del vostro piede interno.

  • Pattinate verso la transizione, mantenendo il vostro corpo rilassato e flessibile
  • Piegate le ginocchia e lasciate che i piedi si sollevino di fronte a voi
  • Mantenete un piede davanti all’altra per avere più equilibrio
  • Quando raggiungete l’apice, sollevate il vostro peso e ruotate sulle ruote posteriori del vostro piede interno, mentre ruotate la parte superiore del vostro corpo di 180 gradi – guardando dove volete andare (indietro, verso il centro della rampa)
  • Usare le braccia vi aiuterà a ruotare più velocemente, il resto del corpo vi seguirà durante la rotazione
  • Quando completate la rotazione, lasciate “cadere” il vostro peso verso il basso
  • Finite la rotazione guardando la transizione opposta
  • Ripetete

 

Riuscendo a padroneggiare le pivot turn noterete che acquisterete più velocità. Continuate ad esercitarvi!

 

pivot-turn

 

B) Fakie – pattinare all’indietro su una transizione

 

Mentre skateate su una half pipe o una mini potete acquistare velocità e gestire la transizione alternando pattinata in avanti e all’indietro. Può risultare terrificante all’inizio, ma alcune persone lo trovano semplice da imparare perchè non richiede una rotazione del corpo.

 

Regular up, fakie down

  • Partite dalla parte flat, in basso, della rampa con lo sguardo rivolto verso la transizione
  • Pattinate su per la transizione, mantenendo il corpo morbido e flessibile
  • Piegate le ginocchia e lasciate che i piedi si alzino di fronte a voi
  • Mantenete un piede di fronte all’altro per avere più equilibrio
  • Quando raggiungete l’apice del vostro movimento verso l’alto perderete tutta la vostra velocità e inizierete ad andare all’indietro
  • Lasciatevi andare all’indietro verso il centro della rampa – la parte piana

 

regular up

 

Fakie up, regular down

  • Pattinate all’indietro sulla transizione alle vostre spalle (ok, questa è la parte terrificante)
  • Piegate le ginocchia mentre salite sulla transizione: dovrebbe sembrarvi di star sedute/i sui vostri pattini
  • Raggiungete l’apice della transizione
  • Lasciatevi andare verso il centro della rampa
  • Ripetete

 

Con la pratica riuscirete a guadagnare molta velocità pattinando in fakie sulla transizione.

 

fakie up

 

Ci vediamo tra qualche giorno con la quinta e ultima parte. Spero che stiate trovando questa guida interessante quanto me!

 

Doom