La questione inverno

La questione inverno

 

E’ inverno (ma và?) e la mia Sfiga Principale – altrimenti detta “motivo per cui non sarò mai felice al 100% nella vita” – consiste nel fatto che a Trieste non ci sono skatepark indoor.

Si fa strada sempre di più in me il desiderio di farmene uno. Non scherzo. Quando tira la bora e il gelo ti penetra nelle ossa skateare là fuori diventa impegnativo. Il mio primo progetto del 2018 vorrei fosse una micro rampa di legno da piazzarmi da qualche parte – anche in casa.

Quante/i di voi hanno questo problema? Quante/i in giro per l’Italia non hanno strutture adeguate dove allenarsi?

Se non ce l’avevate vi è mai capitato di partecipare alla richiesta di costruzione di una struttura – rivolta al Comune? Com’è andata a finire?

Love,

Doom

 

Diario: Assenza + resoconto del weekend con Sbanda Brianza

Diario: Assenza + resoconto del weekend con Sbanda Brianza

LO SO.

DAVVERO, LO SO.

Non scrivo sul blog da più di un mese e mi vergogno come un cane. “Life happened” potrei dire. Effettivamente ne è successa una dietro l’altra – nonostante mi renda conto che non sono scuse accettabili.

Stranamente l’inizio della mia assenza coincide con l’inizio di un progetto davvero challenging presso lo studio dove lavoro (n.b.: so che vi piace pensare che pattino e disegno tutti i giorni tutto il giorno e invece nella vita faccio la graphic designer) e, guarda caso, proprio oggi che stiamo chiudendo la presentazione per il cliente mi sono sentita abbastanza rilassata da riaprire wordpress e iniziare a scrivere.

COINCIDENZE? IO NON CREDO.

Com’è stato vivere senza i miei post per un mese? Non vi sono mancata per un cazzo vero? Ad ogni modo rieccomi, e inauguro subito con un breve racconto dello scorso weekend.

Sabato 21 ero con la crew Rollerfighters e mio fratello Tommaso (50% di Busking Bears) a Mariano Comense, precisamente al Palatenda.

Quei fuori di testa di Sbanda Brianza hanno ben pensato di festeggiare il loro terzo compleanno con un festone da paura e hanno invitato noi di Busking Bears e le Rollerfighters  a tener banchetto.

Ci siamo radunati sotto lo stesso gazebo e abbiamo allestito il corner della paura. Tra balletti, carriole, ruote, breakdance e birra io davvero non sapevo più da che parte guardare.

Ma a parte questo l’opportunità più interessante per la mia sister Matje e me medesima è stata poter skateare l’area street che Sbanda aveva allestito per l’occasione.

 

 

22582651_526387377697900_3288530409846996992_n

Eccoci qua, aggraziatissime. Io mi sto grattando un piede.

 

 

Altre testimonianze:

 

22528541_10214174690711853_3245938354708707644_n

RIDE HARDCORE #RIDEHARDCORE #SBANDABRIANZA #SLIDENOW

Un post condiviso da Sbanda Brianza (@sbandabrianza) in data:

 

Insomma per noi la serata si è conclusa attorno alle due dopo una sessione di rollerskate durissima. Ho un ematoma sulla gamba sinistra che sta diventando viola ma devo dire che tutto sommato sono contenta.

Ah, e ormai posso dire di essermi abituata al mio nuovo setup. Sono ufficialmente innamorata.

 

22308814_931353003687319_3838575481889891181_n

 

Alla prossima, spero prestissimo insomma. Mi organizzo.

 

Love,

Doom

 

 

 

Il progetto Busking Bears

Il progetto Busking Bears

 

10612940_275923669268982_8006338448785367799_n

 

 

Questo non è un articolo tipico considerati gli argomenti che di solito passano per questo blog, ma siccome si tratta di un mio progetto e ha un po’ a che fare con le rampe ho deciso di parlarne un po’ meglio.

 

Busking Bears nasce nel 2014 durante una Skype call con mio fratello Tommaso. Lo scenario di quella call era abbastanza divertente. Io mi trovavo a casa dei miei con un gesso al piede destro (maledetto pattinaggio sul ghiaccio) mentre Tommaso era in Bulgaria per uno stage formativo.

Durante quella fatidica chiamata ho espresso il mio desiderio di avviare un progetto con lui. Qualunque esso fosse, il mio intento era unire le abilità commerciali di Tommaso al fatto che io bene o male una matita la so tenere in mano.

Busking Bears è nato poco dopo. Naming, logo, key visual. Tutto deciso ben prima del lancio effettivo della primissima collezione, avvenuto nel maggio 2015.

 

 

11203544_375455792649102_238635314598187888_o

 

Il core di Busking Bears è sempre stata l’avventura, il viaggio. Indossare abiti qualitativamente validi e selezionati con cura e attenzione ai materiali e portare quel senso di wanderlust nella vita di tutti i giorni.

Il brand si è sviluppato naturalmente. Ci siamo sempre divertiti a trovare nuove soluzioni per promuoverci e farci conoscere. Il nostro obiettivo è sempre stato vendere per rendere il progetto auto-sostenibile, per continuare a permettermi di provare quel feeling stranissimo di incontrare persone che indossano i disegni che ho prodotto in casa sul tavolino del soggiorno o alla scrivania.

Lo scorso anno la nostra strada si è arricchita della possibilità di disegnare qualcosa ispirato al rollerskating e alle rampe. Il primissimo concetto che mi è passato per la testa è stato quello di “Good Vibes Only”, che è diventato maglia e successivamente zainetto di cotone.

 

14500506_549527235241956_1372612309463202006_o

 

Data la risposta più che ottima ho prodotto un secondo design, “Wheels are a Girl’s Best Friends”, che è finito su tshirt loose bianche, grigie e nere.

 

il_570xN.1211659373_i6ho

 

Insomma, tutto questo per dire che sono particolarmente felice di essere riuscita a riunire due grandi passioni (il disegno e skateare) in un’unica attività. Busking Bears conta tantissimi feedback positivi a tutti gli eventi ai quali mi reco – sia di roller derby che sport estremi di vario genere – grazie a chi acquista sempre con entusiasmo!

Se vi interessa approfondire quello che facciamo questo è il nostro facebook, instagram ed etsy.

 

Love,

Doom

 

 

 

Blog chiuso per ferie!

Blog chiuso per ferie!

 

Come da titolo, vado in ferie! Tiè!

Parto proprio oggi per un viaggio e farò ritorno in data tutt’ora imprecisata ma sicuramente dal 21 agosto sarò nuovamente operativa – visto che ricomincio a lavorare, damnnn!

Ecco le tappe del mio viaggio imminente. Parto con Chiddo a.k.a. Benedetta Bassi Photography, che ben conoscete.

 

5-6 agosto > Praga

7/10 agosto > Aarhus (Danimarca)

11 agosto > Copenhagen

12-13 agosto > Berlino – Chicks in Bowls meetup

 

 

Se vi capita di essere dalle mie stesse parti in quei giorni fatemelo sapere. Sarò raggiungibile su facebook e instagram ogni volta che troverò uno straccio di wi-fi.

Nel frattempo buone vacanze e buone scheitàte!

Doom

 

 

Diario: Trieste-Roma in 53 ore

Diario: Trieste-Roma in 53 ore

 

Lo scorso weekend ero a Roma ed è stata un’avventura molto strana, costellata di imprevisti e situazioni tragi-comiche. Come sempre la butto giù in stile diario, un po’ come mi viene.

Innanzitutto una premessa doverosa: abito a Trieste. Trieste, come suggerisce la Carrà, si trova praticamente in c*lo ai lupi. Ultima tappa del nordest prima di entrare in terra slovena, capolinea della Venezia-Trieste, fine della A4, codina del Friuli Venezia Giulia.

Da Trieste la gente non passa mai per caso, ci devi andare apposta. Praticamente riflette lo spirito della città al 100%: non siamo noi a dover venire da te, sei tu che devi venire da noi.

D’altro canto se tu, triestino/a, hai voglia di uscire dalle colonne d’Ercole e pensi di partire per un qualsiasi viaggio, sai che dovrai fare tappa a Mestre e prendere un altro mezzo.

Mestre è una realtà allucinante che per il momento ho risolto definendolo “Limbo”. Non riesco a trovare nessun’altra funzione per la città di Mestre se non questa. Probabilmente ne ha, chissà. Non ho mai approfondito.

Fatto sta che venerdì 28 luglio sono partita alle 16:15 da Trieste e circa due ore dopo ero a Mestre seduta al bar della stazione a far passare circa 50 minuti prima dell’arrivo del mio treno (Italo, super economy).

Salgo sul treno e finalmente mi rilasso. Apro l’iPad e mi sparo vagonate di puntate di Mad Men una di seguito all’altra. Entrati in una serie di gallerie infinite – presumo quindi che siamo in Toscana – l’atmosfera inizia a farsi strana.

Avete presente quando avete una sensazione strana alla bocca dello stomaco e la testa si svuota? A me capita. In quel momento ho pensato “Mh, mi sa che sta per succedere qualcosa”.

E così è stato. Neanche 10 minuti dopo vedo sfrecciare il capotreno lungo il vagone chiedendo se ci fosse un ufficiale di polizia a bordo. Lo vedo tornare indietro dopo svariati minuti accompagnato da un signore e dirigersi verso i vagoni alle mie spalle.

Nel frattempo il treno si ferma a Firenze e una certa agitazione inizia a manifestarsi sul treno. Si sentono grida, la gente si alza dai propri sedili e guarda verso un punto oltre la porta cercando di capirne la causa.

Mentre mi tolgo le cuffiette per saperne di più,  un uomo viene portato via in barella scalciando sul binario, seguito dal capotreno e altre persone. Attorno a me capto stralci di conversazioni che mi suggeriscono che il tipo abbia dato di matto e abbia minacciato di spaccare la testa a tutti brandendo il martelletto per la teca dell’antincendio.

La situazione evolve rapidamente e ci viene chiesto di evacuare il treno. Mentre mi domando perchè, il capotreno ci raduna e ci spiega che, in preda alla follia, il tipo di cui sopra ha detto che ci avrebbe fatti saltare in aria. Dunque allarme bomba e relative procedure di sicurezza.

Mi parcheggio nel centro del corridoio principale della stazione, mi siedo per terra, apro una birra e aspetto. Non c’è nient’altro da fare.

Siamo scesi dal treno attorno alle 21:15. Alle 00:30 arriva un treno da Roma per venirci a prendere. Saliamo e partiamo. Raggiungo Roma circa un’ora e mezza dopo e mi ritrovo a Tiburtina con l’unico obiettivo di toccare un materasso nel minor tempo possibile.

Attorno alle 03:00 riesco finalmente ad andare a dormire.

 


 

La mattina di sabato 29 luglio sono piena di speranze. Sì è vero, fa caldo. Sì è vero, sono stanca. Ma chissenefrega. Il puntello a Ponte Mammolo è alle 09:30 e trovo Matje che dorme seduta su una panchina. La sveglio, agguantiamo qualcosa da mangiare e aspettiamo Sara e Seitan che arrivano in auto, armate di scope e palette.

Lo skatepark Collefiorito di Guidonia è un posto che non conosce letteralmente nessuno. Si trova poco fuori Roma e per raggiungerlo da Ponte Mammolo ci impieghiamo circa mezz’ora – se non ricordo male.

Quando arriviamo ci sono altre ragazze ad aspettarci, un ombrellone (appostato molto strategicamente) e un park di cemento abbastanza trascurato ma molto interessante. La bowl è veramente immensa. Senza coping, grezza, alta. Nell’area adiacente un bank e due mini con una spine in mezzo. Queste ultime da lontano ci sembravano una manna dal cielo, poi abbiamo notato quanto fossero fatte male. Senza coping, con un vert che partiva troppo presto, una transizione quasi impossibile, cemento che ci si frantumava sotto le ruote.

Neanche a dirlo, abbiamo optato per la bowl, seppur con i suoi limiti.

 

20376143_2009705969273820_2213113850998750065_n

Foto di gruppo, yesss

 

 

Dopo una skateata all’insegna di 40 gradi percepiti – e forse reali – abbiamo pranzato per poi dirigerci con molta calma verso la seconda tappa della giornata: il Bunker.

 

image12-600x400 skate-boarding-in-bunker-skatepark

 

 

Avevo tanto sentito parlare del Bunker e tanto avevo visto online, ma non ero ben sicura della dimensione della struttura. Le mie aspettative non sono rimaste deluse: se vi capita, andate al Bunker. Io mi sono fatta la tessera associativa perchè mi sembra un bel progetto e vorrei tornarci: spero che capiti presto, francamente.

Dopo una pausa di un’oretta all’ombra della pineta – io e Matje ci siamo addormentate – il Bunker apre e finalmente entriamo.

Vedo l’halfpipe e so che ci devo salire come prima cosa. Bellissima.

 

street-area

 

Il resto del pomeriggio stiamo un po’ nell’area flat a chiudere qualche trick su una quarter e ce la giochiamo un po’ sulle mini. Tutte prese benissimo: volano trick, gente che si trova in park per la terza volta nella vita chiude stall, io chiudo un 50-50 (finalmente), Matje chiude un tabernacle. Insomma benissimo.

 

20394419_121658301791107_8051295880050900992_n

 

 

Siamo al Bunker da meno di due ore quando Matje fa uno shoot the duck sul coping della mini e dice “Raga, mi sono rotta un dito”.

Da lì in poi è un viaggio in auto fino all’ospedale più vicino, ore di attesa, coca-cola dai distributori e chiacchiere. Responso: Matje si è lussata due dita e sub-lussata un terzo. Insomma, ha fatto le cose per bene.

 

 

20482307_1902066596710870_3564772746296557568_n

 

 

La sera ce ne andiamo a dormire in totale tranquillità, distrutte dopo aver skateato tutto il giorno. Penso di essermi addormentata alle 22:30 quella sera. Na vergogna.

 


 

All’alba di domenica sono carica. So che stiamo andando al park di Cinecittà e so che avrò pochissimo tempo per skatearmelo.

Leggi qui la review del Cinetown che ho scritto lunedì.

Dopo 40 minuti devo già recuperare armi e bagagli e tornare verso Tiburtina. Il mio Flixbus parte alle 12:00.

Alle 21:15 sono finalmente a Trieste. Ho fatto in tempo a guardarmi quasi un’intera stagione di Mad Men e ormai vorrei lavorare in un’agenzia di pubblicità negli anni ’60 – e invece ci lavoro negli anni ’10, ma va bene lo stesso.

 

 

Sto per partire per una nuova avventura ma non aggiornerò granchè il blog fino al mio ritorno (dal 21 agosto in poi).

Se volete seguire le mie avventure dovreste farlo su instagram, dove aggiorno spesso.

 

Buone vacanze!

Doom